Spunti Operativi che emergono dalla Survey di TripBarometer 2014


Il TripBarometer 2014, una ricerca condotta ogni due anni a livello internazionale da TripAdvisor, fornisce degli spunti utili sui trend di viaggio globali e aspetti operativi che ogni struttura turistica dovrebbe considerare.

La ricerca è condotta su un campione di circa 50mila viaggiatori e 10mila operatori business nel settore turistico e, fermo restando alcune criticità spesso sollevate sulla validità e veridicità o meno delle recensioni, fornisce comunque degli utili spunti di riflessione che le strutture turistiche possono mettere in pratica.

A questo link è possibile scaricare la ricerca completa.

Italia e Australia a livello globale sono le mete più desiderate nell’immaginario collettivo per i prossimi due anni.

A livello promozionale questo può essere un indicatore sulla necessità di investire in modo integrato nella comunicazione di brand territoriali. Ne avevamo parlato in questo post.

Immagine1

L’Europa in generale rimane una delle “dream destination” per i prossimi 24 mesi.

Immagine2

Sembra che l’Italia sia particolarmente desiderata da Americani, Brasiliani, Messicani e Russi. Magari supportando il dato con altre fonti, si potrebbe decidere di impostare una strategia promozionale che vada su questi paesi.

Immagine3

Ai viaggiatori piacciono esperienze autentiche: provare la cultura della destinazione autentica è ciò che cercano gran parte dei turisti. Monumenti, storia, sole e mare, spiaggia e cultura.

A livello strategico e operativo questo ci dice che: le strutture devono lavorare bene per far vivere in loco esperienze a 360° ad es. consegnando una guida turistica legata al territorio, facendo fare dei tour enogastronomici, segnalando escursioni particolari, incentivando la condivisione di foto e contenuti sui canali social della struttura turistica, ecc.

Allo stesso tempo la struttura deve, nella fase di costruzione del viaggio anticipare e far assaporare le esperienze che si possono vivere sul territorio. Far venire l’acquolina in bocca generando dei contenuti interessanti, sul proprio sito Web (ad es. avendo un bel blog con tutto ciò che offre il territorio ma non solo) e sui social (ad es. tramite i Place Pins di Pinterest, tramite condivisione di contenuti legati al territorio e prodotti dagli utenti, ecc) il tutto per far percepire tutte le potenzialità “autentiche” del territorio che gli utenti amano molto.

Immagine4

Mare e cultura sono i viaggi preferiti. E in questo l’Italia è favorita.

Immagine5

La maggior parte dei viaggiatori pianificano il viaggio 3-4 mesi prima e iniziano a prenotare 1-2 mesi prima.

Le persone prenotano sempre più entro le 3-4 settimane antecedenti la vacanza, anche se costruiscono la propria idea di vacanza con un più largo anticipo. Dunque una buona parte circa il 30% arriva a prenotare nelle ultime 4 settimane. Questo ci suggerisce che l’investimento in azioni pubblicitarie a pagamento (ad es. in Facebook) diventa importante da tenere attivo anche fino a metà agosto o comunque in un tempo utile in base a quando verrà chiusa la stagione.

Mentre tutto ciò che serve a costruire l’immaginario della vacanza deve essere più sedimentato e di lungo periodo.

Immagine6

I viaggiatori più giovani sono quelli che prenotano più in last minute. Questo ci potrebbe suggerire ad es. di investire in qualche offerta last minute tramite Facebook Ads verso fasce d’età più giovani.

Immagine7

Tra le fonti di ispirazione l’online è la parte predominante. I siti di recensioni, passaparola e social network in particolare e i contenuti generati dagli utenti, hanno un ruolo rilevante nell’influenza di una scelta. Questo ci dice anche che bisogna lavorare per far vivere un’esperienza in loco ma soprattutto farla condividere, far parlare i nostri ospiti. Rimane fermo il fatto che le migliori recensioni e il passaparola nascono dall’interno della struttura e dal servizio che ricevono.

Immagine8

Oltre a TripAdvisor, è interessante notare come passaparola e contenuti generati dagli utenti su altri siti di viaggi abbiano una forte influenza. Stessa cosa per contenuti generati da amici/familiari e viaggiatori sui social network che hanno una percentuale più bassa come fonte di ispirazione ma influenzano molto le scelte

Immagine9

Tra i canali di prenotazione l’online è ormai quasi il 70%. Le OLTA rappresentano il 27% mentre la prenotazione diretta tramite il sito della struttura ha buona percentuale il 18% che se sommata al canale telefonata diretta 10%, fa capire come c’è possibilità di lavorare per un lavoro diretto e disintermediato. I social e in particolare le Facebook Ads sono ottimi strumenti a mio avviso per disintermediare.

Questo suggerisce che i siti delle strutture devono essere studiati per favorire i contatti e le richieste d’informazioni in quasi tutte le pagine del sito, che dovrebbero dove possibile avere un sistema booking interno, far vedere la struttura con foto professionali ed emozionali, favorire la condivisione di tutti i contenuti.

Interessante notare quel 4% di utenti che dichiarano di prenotare una volta arrivati sul luogo, probabilmente tramite dispositivi mobili quali smartphone e tablet. Se consideriamo che il mobile è un fenomeno in ascesa c’è da aspettarsi che questo dato sarà in crescita nel prossimo futuro. Questo ci dice a mio avviso che tutto ciò che è legato al mobile marketing e alla mobile search è importante tra cui:

  • avere un sito mobile responsive
  • la rivendicazione e aggiornamento delle schede Google Plus Local (a questo link la procedura da seguire per una corretta rivendicazione)
  • la rivendicazione e aggiornamento della venue su Foursquare, magari inserendo una promo special per attrarre utenti geolocalizzati (avevamo spiegato come rivendicare la propria scheda su Foursquare e Yelp)
  • la rivendicazione della scheda su Bing Places il motore di ricerca Microsoft che è legato agli smartphone Windows oltre al fatto che le mappe Bing sono integrate su Facebook (a questo link la procedura per la rivendicazione della scheda aziendale su Bing)

Immagine10

Interessante notare inoltre dal punto di vista dei viaggiatori come il wi-fi free sia determinante nella scelta dell’accomodation.

Immagine11

Scritto il


Sei membro del forum? Vuoi scrivere anche tu su TURISMO Blog gt
Chiedilo a @giorgiotave